DEREK DICK DECIO

www.myspace.com/derekdickdecio

Albums:

Cubo di Bamba ( 2009 ) ( Red section )

GuGuGaGa Mixtape ( 2015 ) ( red section )

Info:
There are still people able to see the between the lines, a reality that does not exist or does not yet exist.
In the upside-down world, real is the opposite of false.
The first disc by "D.D.D.", entirely self-produced and financed could be thus synthesized and purposely quoting Guy Debord in "The society of performance".
Guy Debord appears in the introduction of the disc with a few commentaries for a movie. The interpretation of Derek's cd is the uncapability of self-achievement, collective and universal.
The language of the disc; crude, horrific, violent, at times stupid but never banal casts us in the world of D.D.D. consisting in suffering, joy, illusions, dreams. A world which speaks about the transience of being, of life itself of drugs as the only way out of a standardized society.
The only way out of this pile of shit.
Derek Dick Decio is an integral part of his disc.
Accompanied by Mister Drey's patterns (Laptop/Drum machine), in featuring with Nicola Boari (Salomè Lp and SLP) Derek distorts the traditional rules of Italian hip hop, which has by now become just commercial music for teen guzzlers. By emptying out its "gangsta" content Derek intends not to stay above its beat (bit) but downright to enter in it.
Metrics which are almost spoken assume a "ferrettiano" tone, giving ample space to the contents, catapulting the listener in a claustrophobic and oppressive atmosphere
made of dirty, artificial, repetitive sounds up to the most classic hip hop.
Voice and metrics inspired by one of the forerunners of the old Italian school "Kaos One", In his style, cut and mostly in the content of rap, Derek moves away from Kaos.
The project begins in 2009; the interpreters, that is, Mister Drey (ex Slp) and Derek have very similar musical views even if they are users of rather different genres.
Mister Drey, a great 1960s 70s contemporary avant-guarde listener, from Feldman, Riley and Steve Reich, to Tarentel and Mono, melts a great compositional knowledge in his patterns; mixing and sampling a little of everything that has to do with the music he listens to.
Nevertheless, the turning point of his project, more than music itself, intended as the mere representation of a technique, is a great desire for change; in music, art, in the everyday life that we have to face. More realistically it is the aknowledgement of the spiritual, individual, emotional smallness of the people which constitute today's society.
Derek is a cry, an anonimous face of a masked illusion, a kick in the ass to institutions, a challenge to himself more than to others, a telling off of cliches that are imposed from above, a falsification of faith, a piercing cry of suffering towards that life which never intended on respecting him and which never wanted to be forgiven.
At the present time D.D.D. has broken away from the musical scene and intends on holding concerts as soon as a record company will release him and will enable him to make money, to get laid around the world and mostly will take him away from the job as a salesman which he diligently carries out at "The horrors shopping center of the Navile neighborhood" each day telling off customers and employees, every day going back home more and more stressed and with suicidal thoughts.

Ci sono persone in grado di vedere la filigrana nelle cose, una reltà che non c'è o non c'è ancora.
Nel mondo realmente rovesciato, il vero è un momento del falso.
Si potrebbe sintetizzare cosi il primo disco, interamente autoprodotto e finanziato di "D.D.D." citando non a caso una frase di Guy Debord ne "La società dello spettacolo".
Guy Debord, che appare nell'intro del disco stesso con alcune frasi di commento per un film. Ed è proprio l'impossibilità alla realizzazione personale, collettiva, universale, la chiave di lettura del cd di Derek. Un senso di nichilismo, impotenza, rabbia, amore; un senso di morte ;ma al tempo stesso un inno alla vita vissuta "realmente", partendo dal presupposto che non esiste distinzione tra il vero ed il falso.
Il linguaggio utilizzato nel disco; crudo, orrorifico, violento, talvolta stupido ma mai banale ci proietta nel mondo di D.D.D. fatto di sofferenza, gioia, illusioni, sogni. Un mondo che parla della transitorietà dell'essere, della vita stessa. Un mondo che utilizza la droga come unica via d'uscita alla società massificata.
Come unica via d'uscita in questa montagna di merda.
Derek Dick Decio è parte integrante del suo disco.
Accompagnato dalle basi di Simone Paganelli (Laptop/ Drum machine), in feauturing con Nicola Boari (Salomè Lp) Derek stravolge i canoni tradizionali dell'hip hop italiano, oramai divenuto solamente merce di consumo per ragazzini che giocano a fare i papponi. Svuotandone il contenuto "gangsta" Derek si propone non di stare sopra il tempo (bit) ma addirittura di entrarci dentro.
Metriche quasi parlate assumono un tono "ferrettiano", dando ampio spazio ai contenuti, catapultando l'ascoltatore in un'atmosfera claustrofobica, oppressiva , fatta di suoni sporchi, artificiali, ripetitivi, sino ad arrivare al piu classico dell'hip hop.
Voce e metrica ispirata ad uno dei precursori dell'old school italiana "Kaos One", Derek si distacca da Kaos per lo stile, il taglio e soprattutto il contenuto nel fare rap.
Il progetto inizia nel 2009; gli interpreti ossia Simone Paganelli (ex Slp) e Derek hanno vedute musicali molto simili pur essendo fruitori di generi abbastanza diversi.
Simone grande ascoltatore di avanguardia contemporanea anni 60/70 , da Schoenberg, Webern, passando attraverso Feldman, Riley e Steve Reich fonda nelle sue basi una grande sapienza compositiva; mixando e campionando un po tutto quello che ha a che fare con la musica da lui ascoltata.
La chiave di volta del progetto però, piu' che la musica stessa, intesa come mera rappresentazione di una tecnica, è una grande voglia di cambiamento; nella musica, nell'arte, nella vita che quotidianamente andiamo ad affrontare. Piu'realisticamente è una presa di coscienza della pochezza spirituale, individuale, affettiva delle persone che formano la società odierna.
Derek è un grido, un'illusione mascherata dal volto anonimo, un calcio nel culo alle istituzioni, una provocazione piu' verso se stesso che verso gli altri, uno sputtanamento ai clichè che vengono imposti dall'alto, una mistificazione della fede, un lancinante urlo di sofferenza verso quella vita che forse non lo ha mai relmente rispettato e che non ha voluto mai farsi perdonare.
Attualmente D.d.d si è allontanato dalla scena musicale e si propone di fare concerti non appena troverà una casa discografica che lo pubblichi, gli faccia fare soldi, lo faccia chiavare in giro per il mondo e soprattutto lo tolga dal lavoro di commesso che lui diligentemente svolge presso "Centro comm.le degli orrori quartiere Navile" mandando a cagare ogni giorno clienti e personale, tornando ogni giorno a casa sempre piu stressato e con manie omicide.

DEREK DICK DECIO

www.myspace.com/derekdickdecio

Albums:

Cubo di Bamba ( 2009 ) ( Red section )

GuGuGaGa Mixtape ( 2015 ) ( red section )

Info:
There are still people able to see the between the lines, a reality that does not exist or does not yet exist.
In the upside-down world, real is the opposite of false.
The first disc by "D.D.D.", entirely self-produced and financed could be thus synthesized and purposely quoting Guy Debord in "The society of performance".
Guy Debord appears in the introduction of the disc with a few commentaries for a movie. The interpretation of Derek's cd is the uncapability of self-achievement, collective and universal.
The language of the disc; crude, horrific, violent, at times stupid but never banal casts us in the world of D.D.D. consisting in suffering, joy, illusions, dreams. A world which speaks about the transience of being, of life itself of drugs as the only way out of a standardized society.
The only way out of this pile of shit.
Derek Dick Decio is an integral part of his disc.
Accompanied by Mister Drey's patterns (Laptop/Drum machine), in featuring with Nicola Boari (Salomè Lp and SLP) Derek distorts the traditional rules of Italian hip hop, which has by now become just commercial music for teen guzzlers. By emptying out its "gangsta" content Derek intends not to stay above its beat (bit) but downright to enter in it.
Metrics which are almost spoken assume a "ferrettiano" tone, giving ample space to the contents, catapulting the listener in a claustrophobic and oppressive atmosphere
made of dirty, artificial, repetitive sounds up to the most classic hip hop.
Voice and metrics inspired by one of the forerunners of the old Italian school "Kaos One", In his style, cut and mostly in the content of rap, Derek moves away from Kaos.
The project begins in 2009; the interpreters, that is, Mister Drey (ex Slp) and Derek have very similar musical views even if they are users of rather different genres.
Mister Drey, a great 1960s 70s contemporary avant-guarde listener, from Feldman, Riley and Steve Reich, to Tarentel and Mono, melts a great compositional knowledge in his patterns; mixing and sampling a little of everything that has to do with the music he listens to.
Nevertheless, the turning point of his project, more than music itself, intended as the mere representation of a technique, is a great desire for change; in music, art, in the everyday life that we have to face. More realistically it is the aknowledgement of the spiritual, individual, emotional smallness of the people which constitute today's society.
Derek is a cry, an anonimous face of a masked illusion, a kick in the ass to institutions, a challenge to himself more than to others, a telling off of cliches that are imposed from above, a falsification of faith, a piercing cry of suffering towards that life which never intended on respecting him and which never wanted to be forgiven.
At the present time D.D.D. has broken away from the musical scene and intends on holding concerts as soon as a record company will release him and will enable him to make money, to get laid around the world and mostly will take him away from the job as a salesman which he diligently carries out at "The horrors shopping center of the Navile neighborhood" each day telling off customers and employees, every day going back home more and more stressed and with suicidal thoughts.

Ci sono persone in grado di vedere la filigrana nelle cose, una reltà che non c'è o non c'è ancora.
Nel mondo realmente rovesciato, il vero è un momento del falso.
Si potrebbe sintetizzare cosi il primo disco, interamente autoprodotto e finanziato di "D.D.D." citando non a caso una frase di Guy Debord ne "La società dello spettacolo".
Guy Debord, che appare nell'intro del disco stesso con alcune frasi di commento per un film. Ed è proprio l'impossibilità alla realizzazione personale, collettiva, universale, la chiave di lettura del cd di Derek. Un senso di nichilismo, impotenza, rabbia, amore; un senso di morte ;ma al tempo stesso un inno alla vita vissuta "realmente", partendo dal presupposto che non esiste distinzione tra il vero ed il falso.
Il linguaggio utilizzato nel disco; crudo, orrorifico, violento, talvolta stupido ma mai banale ci proietta nel mondo di D.D.D. fatto di sofferenza, gioia, illusioni, sogni. Un mondo che parla della transitorietà dell'essere, della vita stessa. Un mondo che utilizza la droga come unica via d'uscita alla società massificata.
Come unica via d'uscita in questa montagna di merda.
Derek Dick Decio è parte integrante del suo disco.
Accompagnato dalle basi di Simone Paganelli (Laptop/ Drum machine), in feauturing con Nicola Boari (Salomè Lp) Derek stravolge i canoni tradizionali dell'hip hop italiano, oramai divenuto solamente merce di consumo per ragazzini che giocano a fare i papponi. Svuotandone il contenuto "gangsta" Derek si propone non di stare sopra il tempo (bit) ma addirittura di entrarci dentro.
Metriche quasi parlate assumono un tono "ferrettiano", dando ampio spazio ai contenuti, catapultando l'ascoltatore in un'atmosfera claustrofobica, oppressiva , fatta di suoni sporchi, artificiali, ripetitivi, sino ad arrivare al piu classico dell'hip hop.
Voce e metrica ispirata ad uno dei precursori dell'old school italiana "Kaos One", Derek si distacca da Kaos per lo stile, il taglio e soprattutto il contenuto nel fare rap.
Il progetto inizia nel 2009; gli interpreti ossia Simone Paganelli (ex Slp) e Derek hanno vedute musicali molto simili pur essendo fruitori di generi abbastanza diversi.
Simone grande ascoltatore di avanguardia contemporanea anni 60/70 , da Schoenberg, Webern, passando attraverso Feldman, Riley e Steve Reich fonda nelle sue basi una grande sapienza compositiva; mixando e campionando un po tutto quello che ha a che fare con la musica da lui ascoltata.
La chiave di volta del progetto però, piu' che la musica stessa, intesa come mera rappresentazione di una tecnica, è una grande voglia di cambiamento; nella musica, nell'arte, nella vita che quotidianamente andiamo ad affrontare. Piu'realisticamente è una presa di coscienza della pochezza spirituale, individuale, affettiva delle persone che formano la società odierna.
Derek è un grido, un'illusione mascherata dal volto anonimo, un calcio nel culo alle istituzioni, una provocazione piu' verso se stesso che verso gli altri, uno sputtanamento ai clichè che vengono imposti dall'alto, una mistificazione della fede, un lancinante urlo di sofferenza verso quella vita che forse non lo ha mai relmente rispettato e che non ha voluto mai farsi perdonare.
Attualmente D.d.d si è allontanato dalla scena musicale e si propone di fare concerti non appena troverà una casa discografica che lo pubblichi, gli faccia fare soldi, lo faccia chiavare in giro per il mondo e soprattutto lo tolga dal lavoro di commesso che lui diligentemente svolge presso "Centro comm.le degli orrori quartiere Navile" mandando a cagare ogni giorno clienti e personale, tornando ogni giorno a casa sempre piu stressato e con manie omicide.